(ITA-ENG) A GIANESINI-FAY IL TERZO ROUND DI GR YARIS RALLY CUP

Verona, 09 ottobre 2021

Tre gare e due vincitori diversi, per GR YARIS RALLY CUP nel suo emozionante viaggio nell’Italia da rally. 

Dopo Alex Ciardi all’esordio di Roma, Marco Gianesini si impose al “1000 Miglia” un mese fa e l’esperto pilota valtellinese, affiancato da Sabrina Fay, ha concesso il bis.

Un bis conquistato, nel contesto del 39° Rally “Due Valli” di Verona, penultimo atto del Campionato Italiano Rally, con forza e cuore in coincidenza dell’ultima prova speciale, avendo trovato nel giovane Federico Romagnoli, 23 anni da Borgomanero (Novara), affiancato da Lisa Bollito, il suo più valido contendente.

Una gara avvincente, quella terminata oggi nel tardo pomeriggio al cospetto della maestosa Arena della città scaligera, dopo sette prove speciali in un tracciato rivelatosi decisamente duro, per i 10 trofeisti in gara, un altro vero e proprio banco di prova per testare affidabilità e competitività delle GR Yaris, che sono al loro primo anno di agonismo.

Dieci le vetture partite e nove quelle arrivate sotto la bandiera a scacchi di Piazza Bra, non hanno firmato presenza il finlandese Marcus Manninen per problemi di budget ed il toscano di Lucca Francesco Marcucci, tenuto lontano da impegni di lavoro, mentre Edoardo De Antoni si è fermato a due prove dal termine per incidente.

Sfide ravvicinate, diversi “botta e risposta” hanno caratterizzato la gara sino all’ultima prova speciale, dalla quale è emerso Gianesini, che dall’alto della sua lunga esperienza ha saputo tenere salda in mano la situazione.

Romagnoli aveva preso in mano la classifica dalla prima prova di Grezzana, la “piesse” in diretta TV, per poi dover cedere il passo sulla seconda al toscano Alex Ciardi e con anche Gianesini fattosi pericoloso, quando invece affondavano in classifica sia Grossi (foratura) che De Antoni (crisi di freni).

Dalla terza prova nuovo avvicendamento al comando: proprio Romagnoli autore di un attacco deciso che ha spiazzato tutti, riportandosi leader per poi riuscire a rimanervi sino ad accarezzare per primo il traguardo con una prestazione autoritaria, riuscendo a contenere gli attacchi alle sue spalle.

Attacchi che arrivavano da più parti ed infatti, il secondo giro di prove ha rivoluzionato la classifica: sulla lunga e temibile “Ca’ del Diaolo” di poco oltre 20 chilometri, per un Romagnoli che soffriva, è arrivato sicuro e deciso l’attacco di Gianesini, passato a condurre, per poi riuscire a contenere l’argento vivo del giovane competitor sino alla bandiera a scacchi.

Solo mezzo, secondo, ha diviso i due, con il terzo posto firmato con ampio merito dal comasco Tommaso Peleari, con Bozzo alle note, che partito per settimo ha saputo compiere una interessante progressione che lo ha portato a lottarsi con forza il gradino più basso del podio con il toscano Alex Ciardi, navigato da Tondini, riuscendo quindi a riscattare la battuta a vuote del “1000 miglia”.

Ciardi, con il quarto posto è riuscito a tenere ancora la testa della classifica di Trofeo.

La top five è stata poi firmata da Rivia-Barla, di nuovo a segno con una prestazione convincente.

GR YARIS

La protagonista del campionato è la GR Yaris, vettura perfetta per l’ingresso nel mondo delle competizioni monomarca, che nasce proprio dall’esperienza del team Toyota Gazoo Racing nel campionato mondiale rally. 

Costruita su una piattaforma unica nel suo genere, avente come obiettivo quello di ridurre al massimo il peso, la GR Yaris è dotata del più potente motore a tre cilindri al mondo 1.6 turbo con 261 CV e una coppia di 360 Nm che permette di passare da 0 a 100 km/h in soli 5,5 secondi.

La potenza del motore viene sfruttata attraverso il nuovo sistema di trazione integrale permanente e a controllo elettronico GR-FOUR di Toyota. 

A completare l’assetto da vera sportiva, un differenziale Torsen LSD che gestisce in autonomia la ripartizione della trazione tra le ruote di sinistra e di destra per dare un controllo naturale e diretto dell’auto.

La GR Yaris utilizzata per il campionato è la derivazione rally della stradale lanciata a fine 2020. 

È stato sviluppato uno specifico kit di allestimento gara, con il quale i team hanno potuto preparare la vettura conforme al regolamento della categoria R1T 4WD nazionale.

Il montepremi totale della monomarca è stabilito in 300.000 €uro, distribuito tra premi di gara e premi finali, ed ha un’attenzione particolare anche per i Team cui si appoggiano gli equipaggi.

CLASSIFICA DI GARA:

1. Gianesini-Fay (Toyota Yaris Gr) in 1:09’50.9; 

2. Romagnoli-Bollito (Toyota Yaris Gr) a 0”5; 

3. Paleari Henssler-Bozzo (Toyota Yaris Gr) a 22”0; 

4. Ciardi-Tondini (Toyota Yaris Gr) a 23”9; 

5. Rivia-Barla (Toyota Yaris Gr) a 1’05”2; 

6. Pucci Grossi-Cardinali (Toyota Yaris Gr) a 1’53.4; 

7. Bonifacino-Pischedda (Toyota Yaris Gr) a 2’57.7; 

8. Colpani-Demontis (Toyota Yaris Gr) a 3’03.1; 

9. Reginato-Simioni (Toyota Yaris Gr) a 4’50.5.

CLASSIFICHE GR YARIS RALLY CUP DOPO TRE GARE:

ASSOLUTA: 

1. Ciardi 91 Punti; 

2. Gianesini 87; 

3 Romagnoli 70; 

4. Rivia 56,5; 

5. Grossi 53; 

6.Paleari 52,5

7. Manninen 45; 

8. De Antoni 41; 

9. Marcucci 17; 

10. Reginato 15; 

11. Bonifacino 12; 

12. Colpani 12; 

13. Bondioni 4.

UNDER 23: 

1. Grossi 100,5 punti; 

2. Romagnoli 87,5.

TEAM: 

1. HMI 95 punti; 

2.  Emmeci Sport 80; 

3. New Star 3 75; 

4. Gino WRC 63;

5. Sportec 53,5;

6. Rally Sport Evolution 39; 

7. Elite Motorsport 24.

Il quarto appuntamento di GR YARIS RALLY CUP sarà il 41° Rally Città di Modena, anche finale nazionale della Coppa Italia, il 30 e 31 ottobre.

FOTOGRAFIA ALLEGATA: GIANESINI-FAY I VINCITORI DEL “DUE VALLI” (FOTO MASSIMO BETTIOL)

TO GIANESINI-FAY THE THIRD ROUND OF GR YARIS RALLY CUP

Verona, 09 October 2021

Three races and two different winners for GR YARIS RALLY CUP in its exciting journey through the Italian rally scene. 

After Alex Ciardi at his debut in Rome, Marco Gianesini imposed himself at the “1000 Miglia” a month ago and the expert driver from Valtellina, flanked by Sabrina Fay, granted an encore.

An encore conquered, in the context of the 39th Rally “Due Valli” of Verona, penultimate act of the Italian Rally Championship, with strength and heart in correspondence of the last special stage, having found in the young Federico Romagnoli, 23 years old from Borgomanero (Novara), flanked by Lisa Bollito, his most valid contender.

A thrilling race, the one that ended today in the late afternoon in front of the majestic Arena of the city of Verona, after seven special stages in a very hard track, for the 10 trophyists in the race, another real test to test the reliability and competitiveness of the GR Yaris, which are in their first year of competition.

Ten the cars started and nine the ones arrived under the checkered flag of Piazza Bra, the Finnish Marcus Manninen didn’t sign presence for budget problems and the Tuscan Francesco Marcucci, kept away from work commitments, while Edoardo De Antoni stopped at two tests from the end for an accident.

Close challenges have characterized the race until the last special stage, from which Gianesini emerged, able to keep a firm grip on the situation thanks to his long experience.

Romagnoli had taken in hand the classification from the first stage of Grezzana, the “piesse” in live TV, but then he had to give way on the second stage to the Tuscan Alex Ciardi and Gianesini, while Grossi ( flat tire) and De Antoni ( brake crisis) were sinking in the classification.

From the third test new change in command: Romagnoli author of a decisive attack that has displaced all, returning leader and then being able to stay there until caressing the finish line first with an authoritative performance, managing to contain the attacks behind him.

Attacks that came from many sides and in fact, the second round of tests has revolutionized the standings: on the long and fearsome “Ca ‘del Diaolo” just over 20 kilometers, for a Romagnoli who suffered, came the attack of Gianesini, who passed to lead, and then managed to contain the quick silver of the young competitor until the checkered flag.

Only half a second separated the two, with the third place signed with great merit by Tommaso Peleari from Como, with Bozzo at the notes, who started from seventh and was able to make an interesting progression that led him to fight hard for the lowest step of the podium with the Tuscan Alex Ciardi, navigated by Tondini.

Ciardi, with his fourth place, managed to keep the lead in the Trophy classification.

The top five was then signed by Rivia-Barla, once again with a convincing performance.

GR YARIS

The star of the championship is the GR Yaris, the perfect car for entering the world of single-make competitions, which was born from the experience of the Toyota Gazoo Racing team in the world rally championship. 

Built on a unique platform, with the aim of reducing weight as much as possible, the GR Yaris is equipped with the most powerful three-cylinder engine in the world 1.6 turbocharged with 261 hp and a torque of 360 Nm that allows you to go from 0 to 100 km / h in just 5.5 seconds.

The engine’s power is harnessed through Toyota’s new GR-FOUR permanent and electronically controlled all-wheel drive system. 

Completing the true sports car setup is a Torsen LSD differential that independently manages the distribution of traction between the left and right wheels to give natural and direct control of the car.

The GR Yaris used for the championship is the rally derivation of the road car launched in late 2020. 

A specific race set-up kit has been developed, with which teams have been able to prepare the car in accordance with the rules of the national R1T 4WD category.

The total prize money of the one-make is set in 300.000 €uro, distributed between race and final prizes, and has a special attention also for the Teams to which the crews rely on.

RACE RANKING

1. Gianesini-Fay (Toyota Yaris Gr) in 1:09’50.9; 

2. Romagnoli-Bollito (Toyota Yaris Gr) at 0″5; 

3. Paleari Henssler-Bozzo (Toyota Yaris Gr) at 22″0; 

4. Ciardi-Tondini (Toyota Yaris Gr) at 23″9; 

5. Rivia-Barla (Toyota Yaris Gr) at 1’05″2; 

6. Pucci Grossi-Cardinali (Toyota Yaris Gr) at 1’53.4; 

7. Bonifacino-Pischedda (Toyota Yaris Gr) at 2’57.7; 

8. Colpani-Demontis (Toyota Yaris Gr) at 3’03.1; 

9. Reginato-Simioni (Toyota Yaris Gr) at 4’50.5.

GR YARIS RALLY CUP STANDINGS AFTER THREE RACES:

ABSOLUTE: 

1. Ciardi 91 Points; 

2 Gianesini 87; 

3 Romagnoli 70; 

4. Rivia 56.5; 

5. Grossi 53; 

6.Paleari 52.5

7. Manninen 45; 

8. De Antoni 41; 

9. Marcucci 17; 

10. Reginato 15; 

11. Bonifacino 12; 

12. Colpani 12; 

13. Bondioni 4.

UNDER 23: 

1. Grossi 100.5 points; 

2. Romagnoli 87.5.

TEAM: 

1. HMI 95 points; 

2.  Emmeci Sport 80; 

3. New Star 3 75; 

4. Gino WRC 63;

5. Sportec 53.5;

6. Rally Sport Evolution 39; 

7. Elite Motorsport 24.

The fourth round of the GR YARIS RALLY CUP will be the 41st Rally Città di Modena, also the national final of the Coppa Italia, on October 30 and 31.

ATTACHED PHOTO: GIANESINI-FAY THE WINNERS OF THE “DUE VALLI” (PHOTO MASSIMO BETTIOL)


GUSTATI UNA PILLOLA DEGLI HIGHLIGHTS DI ERC 2021 Fafe Rally Review 45 min

Ti potrebbero interessare anche

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *