Gajser mantiene il comando del campionato dopo una dura battaglia a Loket

Tim Gajser del Team HRC ha lottato duramente per ogni punto al MXGP della Repubblica Ceca questo fine settimana, mantenendo ancora la targa rossa di leader del campionato e finendo sesto assoluto sul pittoresco circuito di Loket.

In questo quinto round, il pilota sloveno era fiducioso di poter raccogliere il suo primo assoluto in un circuito così difficile e queste possibilità sono aumentate dopo un impressionante secondo posto in gara uno. 

Per tutta la manche ha inseguito il leader, registrando il giro più veloce e alla fine ha tagliato il traguardo con soli 0,5 secondi di ritardo. 

Il circuito, stretto e tortuoso, è noto per essere difficile da superare, e il pilota della Honda CRF450RW non è stato in grado di farlo nei 30 minuti più due giri.

Tuttavia, sapeva che la sua velocità era valida e se fosse partito bene in gara due, avrebbe avuto una forte possibilità di vincere la sua terza vittoria assoluta della stagione. 

Quando la #243 ha girato la prima curva in quinta posizione si è rapidamente spostato in quarta posizione e poi ha iniziato a spingersi più avanti. 

Purtroppo, proprio mentre stava allineando un altro passaggio, il suo back-end è scivolato e ha dovuto abbandonare la moto. 

E’ rimontato rapidamente, perdendo a malapena una posizione, ma mentre cercava di ripartire, ha scoperto che la leva della frizione era incastrata nel paramano. 

È rotolato nella pit-lane, perdendo quasi un minuto di tempo nel processo, ma grazie alla prontezza dei meccanici, è stato in grado di risolvere il problema ed è ripartito, rientrando in pista quasi all’ultimo posto.

Consapevole del fatto che ogni punto è cruciale in questa campagna di campionato, si è fatto strada pilota dopo pilota, registrando tempi più veloci dei leader ed entrando nella top 20. 

Ma non è finita qui, ha superato più piloti al giro e al momento in cui è stata sventolata la bandiera a scacchi, si è ritrovato al 15° posto.

Mentre era ovviamente deluso dal risultato complessivo, la sua velocità e la determinazione hanno brillato nella difficile seconda manche e si dirigerà verso le sabbie di Lommel, in Belgio, il prossimo fine settimana, cercando di ripetere i suoi exploit del 2020, dove ha vinto due dei tre eventi che si sono tenuti in quella che è conosciuta come la pista più difficile del mondo.


GUSTATI UNA PILLOLA DEGLI HIGHLIGHTS DEL RALLY ROMA CAPITALE: ERC Rally Roma Capitale – Newsfeed LEG2

Ti potrebbero interessare anche

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *